Call Us : 349.69.36.469
foodeez-default-slider-image

Chi siamo? Provate a ricordare la storia della vostra famiglia. Rivedrete davanti ai vostri occhi l’impegno, i sacrifici e la fatica di tutti i componenti, che sono stati investiti negli anni, per avere ciò che abbiamo oggi. Più dolori che gioie, probabilmente!

Ognuno di noi ha una storia simile alle sue spalle e oggi in questa pagina proviamo a raccontarvi la nostra.

Villa Sebina, come potrete bene immaginare, non è sempre esistita. Prima era un pezzo di terra incolto, senza nulla da fare o vedere. Eppure Luigi, il papà della nostra famiglia, vide in quell’appezzamento quello che tanti non avrebbero immaginato, vide una casa, una casa per la sua famiglia.

In quegli anni, erano all’incirca gli anni ’70, Luigi e Gigliola sua moglie e nostra mamma e noi figli Fabrizio, Rinella, Patrizia, Manuela e Mauro abitavamo a Castro sul Lago d’Iseo. Tutti insieme contribuivamo a gestire il bar sul porto: 7 giorni su 7 sette, circa h24. E’ sempre stato un lavoro impegnativo, ma nessuno non si è mai tirato indietro.

A quel tempo non era d’uso chiedere prestiti, se non agli amici e per costruire una casa di proprietà gli sforzi furono tanti. Ogni notte, dopo aver chiuso il bar e averlo ri-preparato per l’apertura del giorno successivo, Luigi saliva in macchina e andava a Castione della Presolana. Ci metteva poco, come ora, circa 20 minuti. Arrivando in Via San Rocco 18, si fermava e costatava l’andamento dei lavori e se era necessario, a quell’ora, ci metteva mano personalmente.

Perchè Castione della Presolana? Perchè è il luogo d’origine della mia famiglia. Un piccolo borgo in mezzo alla ValSeriana. Un posto dove ci si conosce tutti e non per nome, ma per soprannome e di conseguenza noi figli siamo tuttora il “figlio del…”

E ora un cenno al nome, che immagino attirerà la vostra curiosità visto che non ha a che fare con nessuna delle nostre montagne. Vi ho detto che, all’epoca della costruzione, io e la mia famiglia abitavamo sul Lago d’Iseo. E quindi, qual’è l’altro nome del Lago d’Iseo? Qualcuno? Nessuno? Beh è proprio Sebino! Mio padre ha voluto rendere omaggio al lago che permetteva alla sua famiglia di vivere felicemente e tutta insieme.

Nel centro di Castione della Presolana, un paio di minuti prima di arrivare a Villa Sebina,  c’è invece Palazzo R(h)ome. Questo edificio fu costruito da mio nonno, Bortolo detto il Barber (barbiere e sarto di Castione): a lui ho dedicato l’appartamento più bello. Spalla a Spalla con il Comune di Castione della Presolana, si affaccia sui prati del “Castello” e sulla Valle di Tede. L’ingresso offre la comodità dell’ingresso a piano terra, ma la vista è da quarto piano… non ci credi? Vieni a vedere di persona!

Ecco chi siamo! Una famiglia semplice che ha fatto dell’accoglienza in montagna il proprio scopo e sa come farlo al meglio, assecondando i desideri dei propri ospiti. Chi siamo ora è dato da tanti anni di duro lavoro e sacrifici, ma ora non siete più ospiti: siete amici!